La Fiaschetteria | La nostra storia
15369
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15369,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.5,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
 

La nostra storia

FILOSOSIA

La Fiaschetteria non è un ristorante, ma una locanda alpina di soli 30mq dove ci si siede per mangiare e bere in un’atmosfera rilassata e conviviale.

In questo locale si ascolta solo buona musica (alias, per una piacevole convivenza, si invita chiunque ad eliminare ogni tipo di suoneria dai telefoni e/o apparecchi in grado di emetterne), non si fa la spesa al supermercato (quindi a volte qualche prodotto potrebbe mancare), non si fa caffè, ma soprattutto nulla è veloce!

Pur essendo tutto alla luce del giorno, ricordo che i piatti caldi sono cucinati con i forni a microonde, non avendo mai avuto soluzione alcuna di aggiungere una cappa di aspirazione in questo storico anfratto di Borgo S.ta Caterina.
Tuttavia, quando ravvivati, restano esclusivamente frutto di una stretta collaborazione con i miei macellai di fiducia e/o collaborazioni con ristoratori che stimo.
Non si usano prodotti di gastronomia commerciale e/o industrie alimentari!

Ricordo infatti che sin dall’apertura de La Fiaschetteria, ho voluto dare al mio locale una chiara identità, quella di locanda che si ispira alle osterie di inizio secolo scorso, con pochi prodotti, fatti bene, genuini e che per voi non sia così scontato trovare sugli scaffali della grande distribuzione.

LE RADICI

Probabilmente tutto partì con il mio bisnonno Schiavi Giovanni fu Alessandro, già oste e negoziante in vini alla fine dell’Ottocento. Passato a miglior vita nel 3 ottobre del 1927, la bisnonna Locatelli Felicita fu Luigi, nell’interesse dei sette figli fra i quali mio nonno Giovanni detto Gianni, impiantò anche una fabbrica di gazzose e seltz con vendita di birre per aumentare le rendite della famiglia. Oggi tutto questo non c’è più, ma dopo due guerre mondiali e vicissitudini varie, nel 1975 quando venni al mondo, al numero 9 di via Legrenzi a Clusone resisteva ancora l’antica Osteria d’ol Giü, quella della famiglia di mio nonno Gianni. Ed inevitabilmente, ancor prima di camminare, io ci crebbi in quell’osteria… Tra contrattazioni di bestiame, canti e ciotole di vino. La passione per i viaggi e per le cose genuine ha fatto si che io e Gerolamo ci incontrassimo, per coalizzarci nella ricerca di un posto nel quale farvi rivivere quelle atmosfere antiche che si respiravamo negli ombrosi fondachi dove le osterie di provincia prendevano vita. Bene, ne “La Fiaschetteria” potrete ritrovare proprio quello spirito bohémien …chiaramente accompagnato dai deliziosi prodotti della cultura popolare alpina e transalpina.

 

Gianni Danesi, coproprietario.

NON CI VENDIAMO QUALI ESPERTI SIAMO SOLO APPASSIONATI